Tutti i concerti sono sospesi

In seguito al decreto emesso dal Presidente del Consiglio dei Ministri (Dpcm), recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, vengono sospesi gli eventi e manifestazioni di qualsiasi natura fino al 3 aprile 2020. Stiamo lavorando con i comuni e gli enti preposti per darvi quanto prima indicazioni precise sulla quarta edizione di Jazz Area Metropolitana.

Siamo a disposizione e per qualsiasi chiarimento potete scrivere a info@jazzareametropolitana.com

Programma Eventi – Marzo/Aprile 2020


DOMENICA 15 MARZO, ORE 18.00
Sala San Giorgio, Piazza Castello, Noale (Ve) • Ingresso gratuito, Prenotazione consigliata.
Un doppio concerto all’insegna di giovani artisti capaci di mescolare suggestioni e linguaggi diversi a dimostrazione che il jazz rimane uno dei generi musicali più espressivi e creativi della contemporaneità.

UNDERSEE Sara Simionato 4et

Sara Simionato – voce, composizione
Luca Zennaro – chitarra
Francesco Pollon – tastiere, synth
Cristian Tiozzo – batteria

Un progetto che vede protagonisti alcuni dei migliori giovani talenti veneti, che nasce con l’intento di sperimentare nuove sonorità e colori musicali. Hanno vinto recentemente il primo premio dell’Hybrid Music Contest organizzato dal Comune di Venezia. Il quartetto propone brani originali della cantante e leader Sara Simionato, dove si possono distinguere varie influenze musicali tra cui jazz, rock e musica elettronica.

STEFANO TAMBORINNO
Don Karate

Stefano Tamborrino – batteria, elettronica
Pasquale Mirra – vibrafono, synth
Francesco Ponticelli – basso elettrico, synth
Paolo Pinaglia – visual art

Dal vivo Stefano Tamborrino, che si presenta sotto le pseudonimo di Don Karate, propone il suo universo sonoro in quartetto con una formazione in grado di rendere appieno la ricchezza timbrica e la potenza delle sue composizioni. Pasquale Mirra e Francesco Ponticelli sono tra le menti più creative della nuova generazione di improvvisatori italiani e come Stefano amano praticare un’arte libera, che impiega sorgenti sonore inaspettate ed eterogenee. Poco abituati alle convenzioni di genere, i tre hanno al loro attivo svariati concerti in cui hanno dato origine a performance la cui cifra distintiva è stata lasciata ogni volta all’immaginazione, in sospeso fra hip hop, atmosfere cinematografiche e le mille suggestioni dell’elettronica. Il consolidato sodalizio in trio si arricchisce dell’apporto di Paolo Pinaglia, video artista producer a cui Stefano ha fatto riferimento fin dal momento della ideazione del suo disco.





→ SABATO 21 Marzo, ore 21.00
Teatro Comunale Quirino De Giorgio, Piazza E. Zanella 29, Vigonza (Pd)
Biglietti: Intero 12 € – Ridotto 10 €: Soci Coop Alleanza 3.0, persone over 65 e under 25, persone con indennità di accompagnamento, residenti a Vigonza, iscritti alla biblioteca comunale, iscritti Università Vigontina, Abbonati #TempoPresente e Ritratti d’Attore, possessori CARNET Teatro dei Ragazzi e delle Famiglie; iscritti BelVedere Lab.; Alle persone con disabilità in carrozzina sono riservati 2 posti a rappresentazione (previa prenotazione) di cui uno gratuito.
In collaborazione Ass. cult. Echidna e Comune di Vigonza nell’ambito della rassegna #TempoPresente

ENRICO PIERANUNZI UNLIMITED

Enrico Pieranunzi – pianoforte

Pieranunzi in piano solo è un’avventura musicale da seguire nota dopo nota. Si passa da una canzone di Gershwin a Scarlatti, da un blues a un proprio brano che racconta una storia tutta sua. Classe, eleganza, immaginazione sono gli ingredienti di un’esperienza sonora che riesce a catturare appassionati e non di ogni genere musicale. Un mondo musicale intenso e personalissimo di un pianista che da tempo si è guadagnato apprezzamento e reputazione in tutto il mondo.




DOMENICA 22 MARZO, ORE 18.00
Sala Cariolato presso la Filanda Romanin-Jacur, via Roma 166, Salzano (Ve)
Biglietti: Intero 3 € – Under 12 Gratis

EFFETTO CARSICO
MIRKO CISILINO 5et

Mirko Cisilino – tromba
Filippo Orefice – sax tenore
Beppe Scardino – sax baritono
Marzio Tomada – contrabbasso
Marco D’Orlando – batteria

Una giornata speciale alla scoperta di tesori del nostro territorio e della musica di Mirko Cisilino, giovane artista friulano, uno dei nuovi astri nascenti del jazz italiano. Vanta numerose collaborazioni e di recente è entrato a far parte del nuovo ensemble di Franco D’Andrea. Il suo nuovo lavoro Effetto Carsico (prodotto da Auand Records) è il frutto di una ricerca melodica dove la semplicità e la complessità si intersecano. Ad accompagnarlo nel progetto quattro musicisti di talento che hanno già collaborato più volte nel tempo.

Alle ore 17 visita del suggestivo Museo della Filanda, in collaborazione con i volontari della Pro Loco Salzano. La Filanda viene “magicamente” riaccesa e grazie a innovative tecnologie multimediali il visitatore diventa protagonista di una vera e propria esperienza rivivendo quello che era il lavoro nell’antica Fabbrica della Seta. Costo incluso nel biglietto previa prenotazione.





VENERDÌ 27 MARZO, ORE 21.00
Cinema Italia, via Comunetto 12, Dolo (Ve)
Biglietti: Intero 12 € – Ridotto 10 € (riduzioni under 18 e over 65)
Un doppio concerto di altissima qualità che vede alternarsi due formazioni internazionali lontane geograficamente, ma accomunate dall’inesauribile desiderio di ricerca artistico-musicale. Una serata che propone un imperdibile assaggio del nuovo jazz mondiale.

IKARUS

In collaborazione con New Echoes Festival della Nuova Musica Svizzera

Ramón Oliveras – composizione, batteria
Anna Hirsch – voce
Andreas Lareida – voce
Lucca Fries – pianoforte
Mo Meyer – contrabbasso

IKARUS è un originalissimo quintetto proveniente da Zurigo. Non a caso il loro ultimo lavoro discografico MOSAISMIC è stato prodotto dall’etichetta discografica Ronin Rhythm Records, che fa riferimento al noto pianista Nik Bärtsch. La loro musica si muove tra minimalismo, jazz, contemporanea e ritual groove music e si contraddistingue per la magistrale miscela tra voci maschili e femminili oltre che per il singolare suono basato su poliritmie a permutazione continua, scanalature fluttuanti, improvvisazioni organiche. Con il loro sound riconoscibile e particolare hanno realizzato diversi tour in Europa e recentemente in Asia.

ARUÁN ORTIZ HIDDEN VOICES
ft. Brad Jones and Gerald Cleaver

Aruán Ortiz – pianoforte
Brad Jones – contrabbasso
Gerald Cleaver – batteria

Aruan Ortiz, pianista di Santiago de Cuba, che da anni vive a Brooklyn, si può certamente definire l’astro nascente del jazz d’avanguardia newyorkese. Discepolo di Muhal Richard Abrams, è artefice di una musica dalle radici latine con forti riferimenti a grandi maestri come Thelonious Monk e Ornette Coleman. Il trio, completato da Brad Jones al contrabbasso e Gerald Cleaver alla batteria, presenta Hidden Voices, “un album dove l’usanza folkloristica afro-cubana si contamina con l’avanguardia jazz del dopoguerra” (Nate Chinen, New York Times). Un trio dal sound unico nel panorama del jazz contemporaneo che diffonde una musica innovativa in tutto il mondo.





DOMENICA 29 MARZO, ORE 18.00
Villa Loredan, via Roma 1, Stra (Ve). Ingresso gratuito, Prenotazione consigliata

Piano Solo 
MATTEO ALFONSO
GLAUCO VENIER

Una serata dedicata alle eccellenze del nordest in campo pianistico. Venier e Alfonso, friulano il primo veneziano il secondo, sono accomunati oltre che dal talento artistico, dall’essere entrambi punto di riferimento nella didattica come docenti da molti anni in diversi conservatori.

Matteo Alfonso ha suonato con molti dei più rappresentativi jazzisti italiani e vanta tour in Europa, Russia, Stati Uniti, Canada e America Latina. Ha inciso un’importante registrazione a suo nome in quartetto con Elliot Zigmund, batterista nel trio del leggendario pianista Bill Evans.

Glauco Venier ha inciso cinque dischi per la leggendaria etichetta ECM e si contraddistingue nel panorama internazionale per il linguaggio originale e la grande competenza musicale anche nel campo dell’arrangiamento e della composizione.





SABATO 4 APRILE, ORE 21.00
Auditorium Centro Civico, Via D. Chiesa 9/c, Olmo di Martellago (Ve). Ingresso gratuito, Prenotazione consigliata
Un doppio concerto con due formazioni lontane per provenienza geografica, dalla Puglia al nord della Polonia, ma accomunate da una musica dalla forte valenza espressiva e da una profonda poetica.

RED ICE

Leszek Kułakowski – pianoforte
Maciej Sikała – sax soprano

In Leszek Kułakowski, pianista e compositore, scorre il talento e la musicalità degli eccezionali pianisti polacchi del passato. Il suo estro e la sua profonda esperienza artistica, uniti alle doti del sassofonista e compositore Maciej Sikała, hanno dato vita a Red Ice, un progetto dove i due musicisti hanno indealizzato i loro concetti di armonia assoluta, stile, sensibilità e tecnica. Il critico Stanisław Danielewicz li ha definiti come “due facce della stessa moneta, una moneta dell’oro più puro”.

MARCO BARDOSCIA TRIO
THE FUTURE IS A TREE

William Greco – pianoforte
Marco Bardoscia – contrabbasso, composizioni
Dario Congedo – batteria

Musicista pugliese, vincitore di diversi premi e artista che ha registrato in qualità di leader e co-leader più di dieci album, Marco Bardoscia presenta questo suo recente lavoro discografico realizzato per la Tuk Records dedicato al concetto del tempo: la prima parte dell’album è incentrata sullo scorrere del tempo dal punto di vista di un osservatore immobile, come un albero, mentre la seconda sul tempo dal punto di vista meteorologico. La riflessione che il progetto vuole scaturire richiama i profondi cambiamenti climatici del nostro tempo. Marco Bardoscia ha collaborato, tra gli altri, con Gianluca Petrella e Paolo Fresu.





→ DOMENICA 5 APRILE, ORE 17.00
Sala Teatro S. Pertini, Villa Farsetti, via Roma 1, Santa Maria di Sala (Ve). Ingresso gratuito, Prenotazione consigliata.
Una grande chiusura per questa rassegna che vede alternarsi sul palco ben tre formazioni diversissime tra loro: la poesia del trio Redshift, un ponte tra gli Stati uniti e l’Italia; l’energia libera di ITACA 4et, progetto che unisce Canada e Italia; la ricerca dell’originale quintetto italiano Yellow Squeeds.

YELLOW SQUEEDS

Francesco Diodati – chitarra, composizioni
Francesco Lento – tromba
Glauco Benedetti – tuba, trombone
Enrico Zanisi – pianoforte, Fender Rhodes, Synths
Giovanni Iacovella – batteria

Yellow Squeeds è una formazione che nasce dall’unione di tante anime e stili diversi e che fornisce alle composizioni di Francesco Diodati, uno dei più apprezzati chitarristi italiani che da diversi anni suona nel quintetto di Enrico Rava, una gamma di timbri e colori dalle innumerevoli possibilità espressive. Ritmi serrati, aperture improvvise e commistione di suoni elettronici e acustici creano un magma sonoro ipnotico e sempre cangiante, come un gigantesco caleidoscopio. Il primo album “Flow, Home.” per Auand Records ha attirato l’attenzione di critica e pubblico ed è stato presentato nei più importanti jazz club e festival italiani. Il nuovo album “Never The Same” (Auand Records) è intenso e denso di colori differenti. In un immaginario spazio pluridimensionale i brani si rinnovano continuamente attraverso l’utilizzo di tessiture nascoste e strutture sovrapposte.

REDSHIFT
di Josh Deutsch Nico Soffiato Trio

Nico Soffiato – chitarra
Josh Deutsch – tromba
Marco D’Orlando – batteria

Nico Soffiato, chitarrista italiano residente da diversi anni a New York, ha un sodalizio di lunga data con il trombettista statunitense Josh Deutsch con il quale presenta in anteprima il nuovo cd Redshift, registrato a New York e pubblicato dall’etichetta nusica.org. Accompagnati da Marco D’Orlando presenteranno un repertorio di composizioni originali in bilico tra elettronica, jazz e rock.

ITACA 4et

François Houle – clarinetto
Nicola Fazzini – sax alto
Alessandro Fedrigo – basso
Nick Fraser – batteria

Dall’incontro tra i musicisti Alessandro Fedrigo, Nicola Fazzini e François Houle nel 2016 in occasione di un doppio tour europeo e canadese, e successivamente con Nick Fraser in occasione del Toronto Jazz Festival, nasce ITACA 4et una collaborazione transatlantica unica tra eminenti musicisti italiani e canadesi nel campo dell’avant-jazz e della musica improvvisata. Il loro sound è dinamico, ritmato e ricco di possibilità nel campo dell’improvvisazione. I nuovi pezzi composti appositamente per il tour canadese del 2019 registrati a Vancouver lo scorso giugno, sono contenuti nel cd “Vortex” che verrà presentato in anteprima in quest’occasione.